Menù tipici di Finlandia

E dopo avervi parlato degli ingredienti, scopriamo come possono essere combinati in ottimi menù!

Molti piatti finlandesi tipici della Finlandia sono preparati attraverso stufati lasciati per molto tempo in forno, producendo piatti anche sostanziosi, ma insipidi. Tuttavia la semplicità della cucina tradizionale finlandese è stata d’altro canto trasformata in un vantaggio, ponendo l’accento soprattutto sulla freschezza dei prodotti.

menutipici1

Renna con patate

Molto diffuse le zuppe: a casa oppure al ristorante sono prelibatezze imprescindibili! A base di carne, cavoli e piselli, molto robuste e tipiche invernali, mentre quelle di pesce sono più leggere.

Assaggiate la renna stufata oppure prendete la sua carne saltata in padella e accompagnata dai mirtilli rossi. Rimarrete senz’altro stupiti dalla carne di alce e dalle bistecche di orso, su queste ultime due pietanze, però, vi ricordiamo che sono vendute nei ristoranti a prezzi notevolmente alti!

Ottimo il fegato alla griglia con il purè, fantastiche e grasse la pancetta affumicata e le polpette di carne.

menutipici2-korvapuusti

korvapuusti

Mille le specialità pasticcere: inebriatevi con il korvapuusti una tortina con zucchero, cardamomo e cannella. Letteralmente, significa “schiaffo in faccia”, un modo originale che rende l’idea di quanto sia esaltato il suo gusto. Pensate che a questo dolce è dedicato persino un giorno, il 4 di ottobre, in cui viene celebrato a livello nazionale! Con l’amatissimo e lunghissimo caffè (kahvi), gustate anche la pulla, una pagnottina con granella di zucchero aromatizzata con cannella oppure con il cardamomo.

E per finire innaffiate il tutto con la birra (sebbene anch’essa piuttosto costosa), sorseggiate un po’ di vodka, rincuoratevi con un liquorino ai frutti di bosco, e gustate un po’ di marmellata con il formaggio.

 

menutipici3-ribesrosso

Ribes Rosso, da cui si ricavano ottimi liquori

Nel periodo natalizio viene servito anche una specie di vino caldo, spesso e volentieri anche in versione analcolica. I frutti di bosco sono molto utilizzati per i liquori di stagione, come le more artiche, il ribes rosso e quello nero. Un long drink che è considerato una specialità nazionale è il “lonkero”: si tratta di sidri del tipo svedese serviti assieme a gin e succo di pompelmo.

Le birre, invece, vedono il predominio delle lager bionde. Diverse marche diffondono questa specialità di birra, con un gusto che è simile alle danesi Tuborg e Carlsberg, morbido e dolciastro. Per chi non tollera l’alcool, anche le birre analcoliche hanno lentamente raggiunto la loro diffusione.

Alcuni moderni ristoratori finlandesi amalgamano prodotti di alta qualità locale con tecniche di cottura continentali, in una commistione che ad Helsinki ha anche regalato ad alcuni locali le Stelle Michelin.

E la colazione? Viene fatta tradizionalmente con buone porzioni di particolari zuppe di derivazione anglosassone, realizzate con fiocchi d’avena, di segale, o di grano. Altre zuppe sono realizzate con basi di latte (mannapuuro) e – comunque – sono comunemente accompagnate con latte o burro.

Immagini: wikimedia commons

Nessun commento »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post.

Leave a comment